Notizie dalle aziende e dal mercato

32 commenti su “L’OREAL licenzia !

  1. sergio verano

    Anna hai ragione, perchè siamo in balia ancora delle multinazionali. Però tutto il mondo viene a farsi fare le tinture in Italia e allora riflettiamo su cosa comprare. cia un abbraccio

    Replica
  2. anna

    Avete notato che adesso nell’ecommerce di Estetica gli sconti sono al 15/20 % ? Sarà perchè avete fatto tutto questo casino parlando di offerte a 50 % ? Chi ci perde siamo comunque sempre noi poveri parrucchieri. Va bè.

    Replica
  3. luca b.

    E’ vero che c’è stata rivolta anche da parte della forza vendita ? Credo che per la poca coerenza degli sconti sia successo un pò di casino. E….chissà come finirà…! Queste cose non sono proprio belle.

    Replica
  4. sergio iachini

    L’importante è comprare bene e più bello ancora è vedere che aziende come L’OREAL e WELLA che fino a ieri ti trattavano con sufficienza e arroganza, oggi ti corrono dietro, pietiscono e si umiliano (come i pellegrini) . WiWa i PARRUCCHIERI.

    Replica
  5. sandra

    Ti sei risposta da sola. Hai capito perchè licenziano ? Non sono certo le aziende che vanno bene che licenziano ! Oggi pur di fare cifra, pur di vendere fanno sconti pazzeschi, anche in perdita : sono diventati inaffidabili.

    Replica
  6. elena

    Oggi ho ricevuto una mail con una offerta strepitosa : INOA a 3,99 € – Io ho il salone a Varese , una città forse fuori dal resto d’Italia, ma non ho mai comprato (direttamente dall’azienda OREAL) a un prezzo neanche lontanamente simile a questo ! Ma cosa sta succedendo ? Io mi sento presa in giro in modo esagerato e ho deciso di non comprare più da OREAL. Voi cosa ne dite ? Ciao

    Replica
  7. salvo

    Caro Tiziano si vede e si capisce che “eri” un orealista. Sei “tu” che ti devi svegliare, non noi ! Ciao con affetto.

    Replica
  8. tiziano coiffeur

    Sono un parrucchiere ma riesco a capire che ci stanno prendendo per i fondelli : se compri dall’azienda direttamente ti propinano “sconti” fasulli ! Se compri dal grossista non sei mai sicuro di comprare bene ! Se compri on-line sei soggetto a fregature ! VOGLIAMO CAPIRE CARI COLLEGHI CHE E’ ARRIVATO IL MOMENTO DI COMPRARE IL “made in Italy” DA UNA QUALSIASI AZIENDA ITALIANA ? Ragazzi SVEGLIAMOCI !!!!!!!!

    Replica
  9. silvia coiffeuse

    E’ tutto normale. Cosa vi aspettavate in tempi di crisi ? OREAL e WELLA sono aziende più finanziarie che commerciali. Cosa volete che gli interessi la categoria del parrucchiere ? Riflettete colleghi !

    Replica
  10. Marco san

    Ho letto in questi giorni un’intervista a Alessio Alberti ceo di Wella Italia. Non volevo credere ai miei occhi:come i nostri politici! Ma se Wella e’ in vendita e diminuisce i fatturati, perde i testimoniale, licenzia i dipendenti, come si fa a dire che va bene? Fanno operazioni spot per nascondere al mercato i loro grossi problemi. Hanno perso la loro leadership a favore di altre nuove realtà’. E’una difesa inutile quella di Alessio Alberti che evidenzia invece quanto poco amore esprimono verso la nostra categoria: i parrucchieri non sono il loro mercato. E’ più’ facile vendere Pet.

    Replica
  11. Lucio salvatori

    La distruzione del valore del marchio l oreal professionnel si vede ogni giorno di più. Ma si sentono già’ voci che girano che dicono che Antonio Martinelli rumbo lo spediscono in America.

    Replica
  12. marco san

    I nuovi capi ANTONIO RUMBO e FABIO LOPRATO sono i responsabili di questo terremoto. Gira già voce però che c’è in arrivo un capo “nuovo” !

    Replica
  13. giuseppe

    Ma di cosa vi lamentate ? Un’azienda in meno o più piccola, più spazio per gli altri. I francesi si devono ricordare che per loro il mercato italiano è il “SECONDO” al mondo dopo il loro paese. Un mercato come l’Italia non lo trovano più. In ogni caso AUGURI .

    Replica
  14. salvo

    girate la frittata quanto volete, ma quando una tintura non copre non può che vendere meno. Provate i colori di ITELY e vedrete la differenza.

    Replica
  15. daniela s.

    Sono stati capaci di rompere un giocattolo “prezioso”. Per me non riusciranno più a rimettere assieme i cocci, e poi comunque sarà sempre un giocattolo rotto !

    Replica
  16. Lucio salvatori

    L’oreal e’ fatta di uomini e quelli che oggi la stanno dirigendo non sono ne di questo paese n’è di questo settore. E come hai scritto tu Luca, visto che è finita da un pezzo l’era dei fenomeni, chi vivrà vedrà’ ! La marca e’ forte ma…….

    Replica
  17. luca p.

    L’intenzione dovrebbe essere quella di snellirsi per riprendere poi più forte….però io nel passato in questo settore non ho mai visto risorgere un’azienda caduta. Chi vivrà vedrà! ciao ciao

    Replica
  18. giuliano barengo

    Per me i dirigenti rimasti dell’oreal non sanno più cosa fare. Hanno le idee annebbiate perchè MATRIX che prima era distribuita dai concessionari/grossisti l’hanno poi venduta con una squdra di rappresentanti diretti. Adesso vogliono ritornare a vendere MATRIX di nuovo con i grossisti. MA SECONDO VOI QUESTA E’ UNA AZIENDA “LEADER” ?

    Replica
  19. serena santi

    Guardate che in questa operazione di “licenziamenti” non è coinvolta solo l’OREAL ma tutto il loro gruppo : REDKEN, MATRIX e KERASTASE. Di noi parrucchieri non gliene frega più niente. Il loro businnes è rivolto solo ai supermercati.

    Replica
  20. gino donini

    Finalmente si scoprono i veri obiettivi dell’oreal : vendere quasi esclusivamente ai supermercati. Ecco spiegato anche il perchè si sono messi a vendere con l’e-commerce ! Noi parrucchieri serviamo solo per dare credibilità e notorietà ai loro prodotti. Gli affari oggi li vanno a fare altrove e noi siamo schienati. Grazie oreal.

    Replica
  21. anna salvati

    Ecco gli approfittatori della joob act. Subito in pratica.L’articolo 18 per l’oreal è subito sepolto.Spero che i miei colleghi riflettano.

    Replica
  22. sallustio

    La wella ha fatto da apripista licenziando quasi tutti i dipendenti di castiglione delle stiviere con la scusa di spostarsi a roma e con l’acquisizione da parte di p&g, adesso tocca all’oreal. Una multinazionale dietro l’altra cade a pezzi. Ricordiamoci che prima di wella e oreal è tracollata la testanera (schwarzkopf nei supermercati!)

    Replica
  23. annamaria

    La crisi sta colpendo tutti e tanto più sei grosso tanto più ti acchiappa. Peggio per l’oreal tanto io non ho mai, mai, mai comprato i prodotti dell’oreal. Di gran bene al parrucchiere non ne hanno mai dimostrato visto che vendono ai supermercati gli stessi prodotti nostri.

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *